“Il profumo è magia che influenza direttamente l’anima, è soffio di vita, battito di cuore, respiro, cassa armonica di risonanza dove echeggiano passioni, emozioni, idee”

 

                                                                                                                                             A.Familiari

La scelta di un profumo dice molto di noi. Racconta chi siamo e non solo i nostri gusti. Infatti, il profumo che scegliamo non dovrebbe mai seguire la moda. Perchè? Semplice, rappresenta il nostro biglietto da visita. Dice molto della nostra anima e nel caso di Amuà, la sua piramide olfattiva profumi ci dice molto dell’attaccamento alla Calabria, culla di miti e storia con i suoi paesaggi incontaminati e la sua gente genuina. Ciò che non ci viene detto, però, nella scelta del profumo giusto per noi, è che sarebbe utile saper leggere la piramide olfattiva.

Come si legge la piramide olfattiva di Amuà

La piramide olfattiva dei profumi è una scala di note di profumo. Come tale va letta dall’alto verso il basso e si suddivide in tre livelli che accompagnano lo sviluppo del profumo in fragranze che si diffondono nell’aria. D’altronde, la piramide olfattiva è un viaggio sensoriale e come tale necessita di piccole soste per ogni sua tappa in modo da coglierne l’essenza. Dunque, partiamo con il primo livello.

Le note di Testa. Sono così chiamate in quanto si percepiscono per prime. Sono immediate perchè razionali. Esiste, infatti, una connessione istantanea tra cervello e mondo esterno attraverso il nervo olfattivo. Grazie ad esso, riusciamo a riportare alla memoria i ricordi primordiali, quelli più reconditi e le emozioni più complesse.

Nel caso di Amuà sono  Mandorlo, Arancio Amaro e Bergamotto a farle da padrone. In particolare, quest’ultimo è oggetto di vanto e non a caso è un prodotto D.O.P. Come tale  viene coltivato solo sulla costa estremo Sud della Calabria. Gli alberi si affacciano e crescono sullo stretto di Messina a contatto con il sole caldo e la brezza marina. Mentre nella fase di raccolta il Bergamotto è destinato perlopiù nell’industria profumiera e cosmetica date le proprietà antisettiche, rigeneranti e calmanti antistress.

Passiamo ora alle note di cuore. Questo secondo livello è caratterizzato dalle fragranze che si avvertono pochi minuti dopo le note di testa. Gli elementi del “cuore” ad essere presenti nella piramide di Amuà sono Violacciocca, Caprifico o Fico Selvatico, Bacche di Ginepro, Liquirizia e Finocchio Selvatico. Vediamo queste note una ad una.

La prima, la Violaciocca è una pianta erbacea che dal periodo di aprile fino a settembre è in perenne fioritura e sprigiona un profumo, simbolo di solidarietà e amicizia. Poi c’è il Caprifico che rappresenta la passione e la spiritualità che può essere mantenuta intatta dalle note di Ginepro.

Le bacche di ginepro, infatti, sono conosciute per rendere la persona coraggiosa contro ansie e paure. E per donare un tocco di energia, si aggiunge il quarto elemento, la Liquirizia,  capace di dare equilibrio ed armonia strizzando l’occhio all’aromaterapia sottile.

D’altronde, la liquirizia è una pianta aromatica ideale nel caso di tosse secca o mal di gola. Per i calabresi DOC esiste una sola liquirizia famosa in tutto il mondo. La Liquirizia Amarelli, chi non la conosce?!

Ultima nota di cuore è il Finocchietto Selvatico.Questo ingrediente che i calabresi chiamano “Finocchjiu i Timpa” proprio perchè cresce su terreni secchi o rocciosi delle montagne, nella Calabria grecanica era un simbolo magico. Ad esso si attribuivano proprietà di purificazione da forze negative. Mentre in cucina veniva utilizzato per aromatizzare i piatti e poi come digestivo e diuretico.

Lasciamo le note di cuore per abbracciare le note di fondo. Di nome e di fatto, sono così chiamate perchè durano di più sulla pelle. Si tratta di fragranze legnose e muschiate. Le note di fondo di Taerre Amuà sono Resine di Cisto e Muschio di Quercia. Questi elementi sono particolari perchè conferiscono a chi indossa il profumo AMUA’, forza, solidità e calore. Così, proprio dalle sensazioni che un profumo stimola si creano delle vibrazioni.

Le vibrazioni del profumo

Tali vibrazioni sono come delle frequenze capaci di riportarci all’essenza dei quattro elementi che guidano le nostre vite: ACQUA, ARIA, FUOCO e TERRA e generano in noi delle emozioni. Ogni profumo suscita emozioni e racconta una storia. Taerre Fragranza, un profumo di calabria che racconta la storia delle anime calabresi, di chi ha lasciato la propria terra e la vuole portare sempre con sè. E’ qui che il profumo diventa un amuleto protettore per la persona che lo indossa. Ovunque vada porta con sè la Calabria, le tradizioni, l’essenza e l’attaccamento alla sua terra racchiuse nella fragranza morbida e avvolgente di Bergamotto. Tutto questo rende Taerre Fragranza un luxurya parfum, ossia un profumo artistico, velato di alchimia, immaginazione e soprattutto un profumo genderless.

Dunque, se siete arrivati alla fine del testo, avrete capito che la scelta di un profumo è molto di più che la scelta di una fragranza. Nel vostro caso, qual è l’elemento che rispecchia di più la vostra personalità? E’ possibile fare il test, direttamente a questo link !

piramide olfattiva

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top
Welcome

Organic products

Advertising is the way great brands get to be great brands prospectum sociis natoque.
Follow and socialize with us